Translate

venerdì 26 novembre 2021

CON MOSTARDART, L'EINAUDI GIOCA CON LE OPERE D'ARTE

 Davvero non si era mai vista la Venere del Botticelli affiorare dalle acque con un barattolo di mostarda in mano, stesso discorso per la Gioconda di Leonardo, che, pure, nei secoli, ne ha passate davvero tante, poveretta. Il tutto è diventato irriverente realtà, grazie a “MoStardArt”, il project work realizzato dall'indirizzo Tecnico della Grafica e della Comunicazione dell'IIS “L. Einaudi”, in collaborazione con la Camera di commercio di Cremona. 

L'obiettivo di quest'ultima è tenere viva l'attenzione sui prodotti d’eccellenza locali in ogni mese dell'anno, promuoverli sempre, non solo in occasione degli eventi autunnali ad essi dedicati. Gli studenti di terza hanno realizzato le infografiche di ricette tradizionali, rivisitate dai compagni di Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera e dal docente di cucina Giuseppe Micocci, con l’aggiunta della specialità cremonese, a base di frutta e senape. Gli alunni di quarta hanno usato il medesimo materiale per costruire animazioni. I ragazzi di quinta hanno invece sviluppato un’idea della professoressa Vittoria Attianese ed hanno sperimentato la tecnica del fotomontaggio, per trasformare in maniera simpatica e creativa opere d'arte, fotogrammi di film e locandine cinematografiche, con l'inserimento di confezioni di mostarda. 

Veramente divertenti i risultati. Le singolari e spiazzanti metamorfosi hanno riguardato i soggetti più disparati: dal “Discobolo” ad “Ace Ventura”, da “Lo squalo” a “Il falso specchio” di Magritte, da “Il Re Leone” a “Pulp fiction” e “Rambo”. Al progetto ha collaborato l’intera squadra degli insegnanti delle materie professionalizzanti del corso grafico. Il team è capitanato da Michela Balzarini e formato da Vittoria Attianese, Stefania Antonioli, Gloria Cisotto, Tito Magri, Monica Marchi, Roberta Esposito, Veronica Orlando, Elisabetta Perticari, Cristina Racchetti, Elisabetta Zorza. Sul profilo Instagram @festivaldellamostarda, è stato caricato un video esplicativo dell'iniziativa. 










lunedì 22 novembre 2021

DULCIS IN FUNDO, IL PRESIDENTE ATTILIO FONTANA RINGRAZIA GLI STUDENTI DELL'EINAUDI ALLA FESTA DEL TORRONE

 “Dulcis in fundo” è il titolo scelto per l'edizione 2021 della “Festa del torrone”, ma è anche il momento in cui, a sorpresa, sono arrivati, per l'IIS “L. Einaudi”, riconoscimenti importanti. A complimentarsi con i ragazzi dei corsi Turismo, Servizi Sociosanitari, Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera sono stati, infatti, il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti ed il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, soddisfatti della difficile ripartenza, dopo il brusco stop, causato dalla pandemia. Il primo cittadino ha ringraziato gli allievi per l'apporto fornito all'evento e per l'impegno profuso, mentre il numero uno del Pirellone si è intrattenuto con loro ed ha ricordato il ruolo centrale della scuola. Gli inaspettati apprezzamenti hanno ovviamente riempito d’orgoglio la preside Nicoletta Ferrari e gli insegnanti Monica Parrella, Giuseppe Bonavita e Dionisi Zoppi, che si è fatto immortalare in una foto ricordo di gruppo. Nel gran finale, Zoppi e gli alunni hanno curato una serie di degustazioni guidate a base di vini e specialità dolciarie, rivisitate per l'occasione, con l'inserimento dell'ingrediente protagonista della manifestazione. I prodotti sono stati messi disposizione da Rivoltini, da Tosca, dalla Casa vinicola Ruinello e dalla pasticceria Atena di Sabbioneta. Quest'ultima menzionerà l’istituto di via Bissolati sui propri social e sul suo sito ufficiale. Nello specifico, il docente ed i giovani sommeliers hanno spiegato ai visitatori come far sprigionare al meglio il bouquet di profumi e di sapori dagli abbinamenti proposti. Gli studenti hanno inoltre affiancato lo chef Paco Magri nello show cooking dedicato alla realizzazione di una millefoglie speciale e Nicola Giotto, che ha presentato la sua tecnica innovativa per aerografare i dolci. I compagni degli altri indirizzi hanno controllato i green pass ed intrattenuto i più piccoli con laboratori ad hoc.







martedì 16 novembre 2021

DULCIS IN FUNDO, L'IIS "L. EINAUDI" ALLA FESTA DEL TORRONE



Dispiegamento di forze in grande stile per l'IIS “L. Einaudi” alla “Festa del Torrone”, edizione 2021. “Dulcis in fundo” il tema di quest’anno e mai Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza avrebbero potuto immaginare un avvenire tanto radioso per il dolce inventato in occasione del loro matrimonio, celebrato nella chiesa di San Sigismondo. In campo, con l’in bocca al lupo della preside Nicoletta Ferrari, non meno di centotrenta studenti dei corsi Tecnico del Turismo, Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera, Servizi sanità ed Assistenza sociale. Ad arruolarli la Prg Grandi eventi di Carpi, che ha lanciato l'appello alla dirigente ed al referente di fiducia, Dionisi Zoppi (docente di Sala), il quale, senza esitazioni, ha esteso l'invito all'intera scuola, al fine di supportare tutte le attività in programma, con le rispettive specializzazioni. Monica Parrella per il turistico così come Giuseppe Bonavita del sociosanitario non si sono tirati indietro. Il tour de force ha coinvolto anche insegnanti di supporto: Maria Rosa Arcaini, Paola Cremonesi, Michele Franzini, Patrizia Iannaccone, Giuseppe Micocci, Massimiliano Ruscelli e Nicoletta Trovato. L'avventura è partita con la serata di gala di venerdì 12 Novembre, è continuata nel fine settimana del patrono Sant'Omobono e proseguirà nel prossimo weekend. I futuri hostess e steward hanno controllato i green pass, indirizzato e fornito informazioni ai visitatori, mentre i compagni con vocazione sociale hanno curato i laboratori dedicati ai bambini e quelli della ristorazione hanno supportato gli appuntamenti a sfondo culinario: le degustazioni Noccioliamo, Rivoltini, Sperlari, Cremona&Mantova, il Premio Ambasciatore del Gusto ed ancora gli Showcooking ERG e The plate. L’esperienza, un vero e proprio fiore all'occhiello per la
  scuola di Via Bissolati, rappresenta una delle numerose collaborazioni con enti ed iniziative di punta del Territorio ed offre ai giovani la possibilità di muovere i primi passi in realtà professionalmente formative.

OPEN DAYS EINAUDI: CINQUE SCUOLE IN UNA

 L'IIS “Luigi Einaudi” ha concluso il primo ciclo di incontri aperti alle famiglie. Gli appuntamenti si sono svolti nell’aula Magna di Via Bissolati e nei laboratori della sede e delle succursali. L'istituto, che, come recita lo slogan, è “cinque scuole in una”, si è messo in vetrina, per illustrare le molteplici opportunità formative e gli sbocchi occupazionali. L'obiettivo dichiarato è ovviamente consistito nell'incuriosire e nel fare il pieno di iscrizioni, in vista del prossimo anno scolastico. Ed è stato un successo, a giudicare dalla lusinghiera risposta del pubblico, che non ha deluso le aspettative degli organizzatori. Sotto i riflettori, insieme ai referenti, la preside Nicoletta Ferrari, le vicarie Federica Gaboardi e Paola Galimberti, Angela Salomoni del Gruppo Orientamento, Federica Gatti, segretaria dell’Ufficio alunni ed ancora Annalisa Prisco e Giuseppe Bonavita responsabili dell'Area Inclusione. In apertura, i due indirizzi tecnici: il ghiaccio è stato rotto da Grafica e Comunicazione, con la referente Michela Balzarini, che ha puntato sulle attività di alternanza e laboratoriali, preponderanti nel triennio finale, per fornire competenze di alto profilo. Di tutto rispetto pure l'interesse destato dal Turismo, illustrato da Monica Parrella e dalle studentesse Elena Ligabue e Matilde Poche di quarta A tu, che hanno ricordato il motivo della loro scelta, il percorso fin qui svolto ed i tirocini effettuati. A metà settimana, la passerella ha riguardato i tre indirizzi professionali: Anna Adele Fioretti ha illustrato le peculiarità del Commerciale, attento all'evoluzione del mondo del lavoro ed alle esigenze del Territorio. Visitatori elettrizzati (e rimpinzati) dalle ghiottonerie preparate per l'occasione da Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera, guidate da Giuseppe Micocci, che “ha giocato sporco”, prendendo i genitori per la gola. Come specificato dal collega Dionisi Zoppi, il corso, al termine del biennio, permette di decidere quale specializzazione conseguire (cucina o sala) e può proseguire post diploma anche a livello universitario. Gli open days sono stati conclusi dai Servizi Sanità ed Assistenza sociale, presentati da Giuseppe Bonavita col supporto di Nina Donini di quinta A s. Si replica dal 13 al 17 Dicembre e poi dal 10 al 14 Gennaio, con la stessa squadra, un’uguale scansione ed il medesimo orario serale, dalle ore 17 alle 18, al fine di consentire un’ampia partecipazione. Nel frattempo, gli interessati possono registrarsi ai microstages, seguendo le informazioni riportate dal sito.





lunedì 8 novembre 2021

GLI STUDENTI EINAUDI A CREMONA PO PER L'ANTEPRIMA DELLA FESTA DEL TORRONE

La Prg Grandi Eventi di Carpi si è nuovamente rivolta alla preside dell’istituto “Luigi Einaudi” Nicoletta Ferrari ed all'insegnante di sala Dionisi Zoppi, per la consueta collaborazione all'anteprima promozionale della “Festa del Torrone” ed alla manifestazione vera e propria, che si svolgerà da Sabato 13 Novembre (ricorrenza del patrono Sant'Omobono) fino alla domenica successiva. I ragazzi saranno coinvolti in tutte le iniziative in programma: tra queste, le Degustazioni Noccioliamo, Rivoltini, Sperlari, Cremona&Mantova ed ancora gli Showcooking ERG e The plate ed infine il Premio Ambasciatore del Gusto. Nell'ultimo weekend, presso l’iper Cremona Po, dalle 15 alle 19, gli studenti hanno dunque scaldato i motori e ricordato l'importante appuntamento ai visitatori del centro commerciale, regalando torroncini. A braccetto con alcuni di loro, nella galleria, c'erano figuranti nei panni di Bianca Maria Visconti, Francesco Sforza, per le cui nozze venne ideata tale specialità dolciaria, e “l'uomo Torrone”, che, sfoderando brio e simpatia, ha fatto la gioia dei più piccoli. Per gli allievi, l'esperienza ha valore di tirocinio breve, così come il servizio dei compagni impegnati in contemporanea, insieme al prof. Michele Franzini, nella “Sagra dei Fasulìn de l'öc cun le cùdeghe” di Pizzighettone. Questa settimana, inoltre, la scuola  spiegherà alle famiglie degli alunni delle medie interessati la propria offerta formativa, durante pomeriggi dedicati ad ognuno dei cinque percorsi di studio: oggi, dalle ore 17 alle 18, il tecnico Grafico romperà il ghiaccio, mentre domani, con il medesimo orario, sarà la volta del Turismo. Mercoledì, i Servizi commerciali apriranno la carrellata degli indirizzi professionali, che proseguiranno Giovedì con la Ristorazione e Venerdì con l'Assistenza sociale.







mercoledì 3 novembre 2021

Halloween con i fasulìn de l'öc

Via le zucche mostruose, i fantasmi e le altre diavolerie anglosassoni. Esiste da tempi immemorabili un Halloween nostrano, cremonese e contadino, con un suo piatto tipico, i fasulìn de l'öc con le cùdeghe, ovvero i fagioli con l'occhio (una varietà  molto antica e non meno gustosa di quelle oggi più diffuse) con le cotenne, visto che il maiale veniva ucciso proprio in Ottobre, per disporre di scorte di carne, nei mesi invernali. Nelle trattorie di campagna, con le prime nebbie, gli osti hanno sempre offerto gratuitamente agli avventori una scodella di questa specialità, tra Ognissanti e la ricorrenza dei defunti. 


Alle casematte di Pizzighettone, il Gruppo Volontari Mura fa rivivere annualmente tale tradizione, in collaborazione con gli studenti dell’IIS “L. Einaudi”, con un menu arricchito di salumi, formaggi, mostarda, polenta e dolci. Grazie alla disponibilità della preside Nicoletta Ferrari, il sodalizio si è rinnovato anche quest’anno, in occasione della ventinovesima edizione, caratterizzata da precauzioni anti Covid, prenotazioni online con cauzione e green pass. Sessanta ragazzi del corso alberghiero (delle classi terza, quarta e quinta) si sono avvicendati nell'ultimo weekend e torneranno a farlo nel prossimo, sino al 7 Novembre. I turni di quattro ore ciascuno coprono l’intera no stop, che inizia alle ore 10 per terminare alle 22, da venerdì a domenica, cui si è aggiunto il lunedì di Tutti i Santi. Gli alunni devono porzionare le vivande, servire ai tavoli e riassettare gli spazi a fine giornata. Nel ruolo di supervisori, i prof di sala Dionisi Zoppi e Michele Franzini, referente e veterano della manifestazione, che commenta così: “Gli alunni sono entusiasti di potersi rimettere in gioco dopo aver sofferto le restrizioni del 2020. Si stanno dimostrando capaci, precisi ed in grado di soddisfare le molteplici esigenze degli organizzatori. Da parte nostra c'era grande attesa per la ripartenza di eventi, in cui la convivialità si abbina alla valorizzazione delle usanze e dei sapori del Territorio. Essi infatti consentono di far misurare gli allievi con aspetti significativi della loro futura professione e di avvicinarli all'enogastronomia locale”.