Translate

martedì 21 dicembre 2021

PREMIATI I SECCHIONI

 Lunedì 20 Dicembre, sono stati premiati i più bravi dell'IIS “L. Einaudi”, quelli che si sono distinti nell'anno scolastico 2020/21. A causa della pandemia, il tutto è avvenuto online, tramite Google Meet, con la preside Nicoletta Ferrari e le vicarie Federica Gaboardi e Paola Galimberti, nella veste di presentatrici, nel loro ufficio ed i ragazzi collegati dalle rispettive classi. Tantissime le categorie previste, fragorosi gli applausi dei compagni agli amici secchioni.

PREMIO MAZZOLARI (migliore delle classi terze per profitto e condotta): Mattia Borghesi. 

PREMIO PERSEGANI (studenti di terza con eccellenza nella lingua italiana): Asia Dabrazzi (nella foto), Sara Sorrentino.

PREMIO SUPERTI (riservato alle terze, per il miglior profitto nell’area turistico-commerciale): Geremia Francesco Conca, Douaa El Abbadi.

PREMIO SPECIALE PER LASCITO MAESTRO GIACOMO ROTA (alunno di prima residente a Cicognolo): Chiara Valsecchi.

PREMIO SPECIALE VARASI (eccellenze di 1^ e 2^ C alberghiero): Sara Guarneri, Michele Bosio.

PREMI PER MERITO (allievi con la media dell’8,5): Chiara Maria Galimberti, Alessia Priori, Elisa Capomolla, Alice Finotti, Alice Mainardi, Giulia Cichi, Laia Moggi, Nicolò Bergamaschi (classi prime); Davide Zona, Denise Biddau, Valentina Minardi, Serena Cavagnini (seconde); Ginevra Sofia Branchi, Letizia Ahou Kouao, Martina Mari, Soukayna Mouhassine, Luca Cutillo, Luigi Riccio, Alessia Marrazzo (nella foto), Giorgia Ciottariello, Luca Fedele, Alberto Meco (terze); Erica Ying Hui Zhou, Dominique Bile, Martina Giorgia Scuri, Hilary Kevine Sime Nanko, Matteo Feroldi, Veronica Mazzi, Adem Jasari, Harman Kaur, Pairla Kaur, Ravinder Kaur, Erika Maria Ariotti, Simone Cervicato, Gelsy Cherubino, Joshua Labyedh, Alessia Maestri, Andrea Compiani, Giulia Finali, Vittoria Gambazza, Chiara Maccagnola, Martina Maccagnola, Matteo Mariotti, Anna Tarragoni (quarte).

PREMI MIGLIORI MATURI (diplomati con voto pari a 100/100): Riccardo Ardoli, Claudia Della Putta, Emanuela Dema, Tekalegne Faravelli, Annamilli Gennari, Davide Maria Grassi, Federica Gualtieri, Paolo Lorenzini, Gioele Mancini, Denise Marchesi, Alice Margariti (100 e lode), Leonardo Natalicchio, Alex Ripamonti, Alessia Ripari, Greta Staurenghi, Fatbardha Tairi, Alessia Tarozzi, Greta Tavoni, Nicolò Vacchelli, Silvia Valla.





LA CAMERA DI COMMERCIO INCONTRA I RAGAZZI DEL CORSO SERVIZI COMMERCIALI DELL'IIS "L. EINAUDI"

 Come far incontrare la domanda e l'offerta in ambito occupazionale? Le risposte a questo ed a molti altri quesiti tecnici sono arrivate dalla Camera di commercio di Cremona, che si è presentata agli studenti dell’indirizzo Servizi commerciali dell'IIS “L. Einaudi”, attraverso un ciclo di conferenze. L'iniziativa è stata organizzata dalla docente di Diritto ed Economia Annalisa Ventura, che spiega: “Desideriamo offrire ai ragazzi un approfondimento giuridico ed economico su argomenti fondanti. Credo sia importante mostrare loro il collegamento tra ciò che studiano e la realtà locale sia a livello di tessuto produttivo che di pubblica amministrazione settoriale. L’obiettivo principale consiste nel renderli consapevoli e preparati all'ingresso nel mondo lavorativo”. A rompere il ghiaccio è stata Francesca Romagnoli di “Servimpresa”, che ha illustrato il progetto “Xcelsior”, incentrato sul sistema informativo per l'occupazione e la formazione all'interno del territorio provinciale, mentre il consulente Riccardo Pini ha parlato del contratto di lavoro subordinato, con un focus, riservato alle classi quarta e quinta, su busta paga e cuneo fiscale. L'esperienza proseguirà dopo la pausa natalizia, con l'intervento di Andrea Bergami sul tema “Fare impresa”. Nel frattempo, si è conclusa la seconda serie degli Open days, che hanno registrato una partecipazione lusinghiera e che hanno permesso alle cinque anime dell’Istituto (Grafica e comunicazione, Turismo, Servizi commerciali, Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera, Servizi per la sanità e l'assistenza sociale) di mettersi in vetrina, in vista delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Sotto i riflettori, insieme ai referenti (Michela Balzarini, Monica Parrella, Anna Adele Fioretti, Giuseppe Micocci e Giuseppe Bonavita), la dirigente Nicoletta Ferrari, le vicarie Federica Gaboardi e Paola Galimberti, Angela Salomoni del Gruppo Orientamento, Federica Gatti, segretaria dell’Ufficio alunni ed ancora Annalisa Prisco e Giuseppe Bonavita, responsabili dell'Area Inclusione. La stessa squadra si riproporrà dal 10 al 14 Gennaio, sempre in orario serale, dalle ore 17 alle 18. Gli interessati possono inoltre registrarsi ai microstages, seguendo le informazioni riportate dal sito.











venerdì 26 novembre 2021

CON MOSTARDART, L'EINAUDI GIOCA CON LE OPERE D'ARTE

 Davvero non si era mai vista la Venere del Botticelli affiorare dalle acque con un barattolo di mostarda in mano, stesso discorso per la Gioconda di Leonardo, che, pure, nei secoli, ne ha passate davvero tante, poveretta. Il tutto è diventato irriverente realtà, grazie a “MoStardArt”, il project work realizzato dall'indirizzo Tecnico della Grafica e della Comunicazione dell'IIS “L. Einaudi”, in collaborazione con la Camera di commercio di Cremona. 

L'obiettivo di quest'ultima è tenere viva l'attenzione sui prodotti d’eccellenza locali in ogni mese dell'anno, promuoverli sempre, non solo in occasione degli eventi autunnali ad essi dedicati. Gli studenti di terza hanno realizzato le infografiche di ricette tradizionali, rivisitate dai compagni di Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera e dal docente di cucina Giuseppe Micocci, con l’aggiunta della specialità cremonese, a base di frutta e senape. Gli alunni di quarta hanno usato il medesimo materiale per costruire animazioni. I ragazzi di quinta hanno invece sviluppato un’idea della professoressa Vittoria Attianese ed hanno sperimentato la tecnica del fotomontaggio, per trasformare in maniera simpatica e creativa opere d'arte, fotogrammi di film e locandine cinematografiche, con l'inserimento di confezioni di mostarda. 

Veramente divertenti i risultati. Le singolari e spiazzanti metamorfosi hanno riguardato i soggetti più disparati: dal “Discobolo” ad “Ace Ventura”, da “Lo squalo” a “Il falso specchio” di Magritte, da “Il Re Leone” a “Pulp fiction” e “Rambo”. Al progetto ha collaborato l’intera squadra degli insegnanti delle materie professionalizzanti del corso grafico. Il team è capitanato da Michela Balzarini e formato da Vittoria Attianese, Stefania Antonioli, Gloria Cisotto, Tito Magri, Monica Marchi, Roberta Esposito, Veronica Orlando, Elisabetta Perticari, Cristina Racchetti, Elisabetta Zorza. Sul profilo Instagram @festivaldellamostarda, è stato caricato un video esplicativo dell'iniziativa. 










lunedì 22 novembre 2021

DULCIS IN FUNDO, IL PRESIDENTE ATTILIO FONTANA RINGRAZIA GLI STUDENTI DELL'EINAUDI ALLA FESTA DEL TORRONE

 “Dulcis in fundo” è il titolo scelto per l'edizione 2021 della “Festa del torrone”, ma è anche il momento in cui, a sorpresa, sono arrivati, per l'IIS “L. Einaudi”, riconoscimenti importanti. A complimentarsi con i ragazzi dei corsi Turismo, Servizi Sociosanitari, Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera sono stati, infatti, il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti ed il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, soddisfatti della difficile ripartenza, dopo il brusco stop, causato dalla pandemia. Il primo cittadino ha ringraziato gli allievi per l'apporto fornito all'evento e per l'impegno profuso, mentre il numero uno del Pirellone si è intrattenuto con loro ed ha ricordato il ruolo centrale della scuola. Gli inaspettati apprezzamenti hanno ovviamente riempito d’orgoglio la preside Nicoletta Ferrari e gli insegnanti Monica Parrella, Giuseppe Bonavita e Dionisi Zoppi, che si è fatto immortalare in una foto ricordo di gruppo. Nel gran finale, Zoppi e gli alunni hanno curato una serie di degustazioni guidate a base di vini e specialità dolciarie, rivisitate per l'occasione, con l'inserimento dell'ingrediente protagonista della manifestazione. I prodotti sono stati messi disposizione da Rivoltini, da Tosca, dalla Casa vinicola Ruinello e dalla pasticceria Atena di Sabbioneta. Quest'ultima menzionerà l’istituto di via Bissolati sui propri social e sul suo sito ufficiale. Nello specifico, il docente ed i giovani sommeliers hanno spiegato ai visitatori come far sprigionare al meglio il bouquet di profumi e di sapori dagli abbinamenti proposti. Gli studenti hanno inoltre affiancato lo chef Paco Magri nello show cooking dedicato alla realizzazione di una millefoglie speciale e Nicola Giotto, che ha presentato la sua tecnica innovativa per aerografare i dolci. I compagni degli altri indirizzi hanno controllato i green pass ed intrattenuto i più piccoli con laboratori ad hoc.







martedì 16 novembre 2021

DULCIS IN FUNDO, L'IIS "L. EINAUDI" ALLA FESTA DEL TORRONE



Dispiegamento di forze in grande stile per l'IIS “L. Einaudi” alla “Festa del Torrone”, edizione 2021. “Dulcis in fundo” il tema di quest’anno e mai Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza avrebbero potuto immaginare un avvenire tanto radioso per il dolce inventato in occasione del loro matrimonio, celebrato nella chiesa di San Sigismondo. In campo, con l’in bocca al lupo della preside Nicoletta Ferrari, non meno di centotrenta studenti dei corsi Tecnico del Turismo, Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera, Servizi sanità ed Assistenza sociale. Ad arruolarli la Prg Grandi eventi di Carpi, che ha lanciato l'appello alla dirigente ed al referente di fiducia, Dionisi Zoppi (docente di Sala), il quale, senza esitazioni, ha esteso l'invito all'intera scuola, al fine di supportare tutte le attività in programma, con le rispettive specializzazioni. Monica Parrella per il turistico così come Giuseppe Bonavita del sociosanitario non si sono tirati indietro. Il tour de force ha coinvolto anche insegnanti di supporto: Maria Rosa Arcaini, Paola Cremonesi, Michele Franzini, Patrizia Iannaccone, Giuseppe Micocci, Massimiliano Ruscelli e Nicoletta Trovato. L'avventura è partita con la serata di gala di venerdì 12 Novembre, è continuata nel fine settimana del patrono Sant'Omobono e proseguirà nel prossimo weekend. I futuri hostess e steward hanno controllato i green pass, indirizzato e fornito informazioni ai visitatori, mentre i compagni con vocazione sociale hanno curato i laboratori dedicati ai bambini e quelli della ristorazione hanno supportato gli appuntamenti a sfondo culinario: le degustazioni Noccioliamo, Rivoltini, Sperlari, Cremona&Mantova, il Premio Ambasciatore del Gusto ed ancora gli Showcooking ERG e The plate. L’esperienza, un vero e proprio fiore all'occhiello per la
  scuola di Via Bissolati, rappresenta una delle numerose collaborazioni con enti ed iniziative di punta del Territorio ed offre ai giovani la possibilità di muovere i primi passi in realtà professionalmente formative.

OPEN DAYS EINAUDI: CINQUE SCUOLE IN UNA

 L'IIS “Luigi Einaudi” ha concluso il primo ciclo di incontri aperti alle famiglie. Gli appuntamenti si sono svolti nell’aula Magna di Via Bissolati e nei laboratori della sede e delle succursali. L'istituto, che, come recita lo slogan, è “cinque scuole in una”, si è messo in vetrina, per illustrare le molteplici opportunità formative e gli sbocchi occupazionali. L'obiettivo dichiarato è ovviamente consistito nell'incuriosire e nel fare il pieno di iscrizioni, in vista del prossimo anno scolastico. Ed è stato un successo, a giudicare dalla lusinghiera risposta del pubblico, che non ha deluso le aspettative degli organizzatori. Sotto i riflettori, insieme ai referenti, la preside Nicoletta Ferrari, le vicarie Federica Gaboardi e Paola Galimberti, Angela Salomoni del Gruppo Orientamento, Federica Gatti, segretaria dell’Ufficio alunni ed ancora Annalisa Prisco e Giuseppe Bonavita responsabili dell'Area Inclusione. In apertura, i due indirizzi tecnici: il ghiaccio è stato rotto da Grafica e Comunicazione, con la referente Michela Balzarini, che ha puntato sulle attività di alternanza e laboratoriali, preponderanti nel triennio finale, per fornire competenze di alto profilo. Di tutto rispetto pure l'interesse destato dal Turismo, illustrato da Monica Parrella e dalle studentesse Elena Ligabue e Matilde Poche di quarta A tu, che hanno ricordato il motivo della loro scelta, il percorso fin qui svolto ed i tirocini effettuati. A metà settimana, la passerella ha riguardato i tre indirizzi professionali: Anna Adele Fioretti ha illustrato le peculiarità del Commerciale, attento all'evoluzione del mondo del lavoro ed alle esigenze del Territorio. Visitatori elettrizzati (e rimpinzati) dalle ghiottonerie preparate per l'occasione da Enogastronomia ed Ospitalità alberghiera, guidate da Giuseppe Micocci, che “ha giocato sporco”, prendendo i genitori per la gola. Come specificato dal collega Dionisi Zoppi, il corso, al termine del biennio, permette di decidere quale specializzazione conseguire (cucina o sala) e può proseguire post diploma anche a livello universitario. Gli open days sono stati conclusi dai Servizi Sanità ed Assistenza sociale, presentati da Giuseppe Bonavita col supporto di Nina Donini di quinta A s. Si replica dal 13 al 17 Dicembre e poi dal 10 al 14 Gennaio, con la stessa squadra, un’uguale scansione ed il medesimo orario serale, dalle ore 17 alle 18, al fine di consentire un’ampia partecipazione. Nel frattempo, gli interessati possono registrarsi ai microstages, seguendo le informazioni riportate dal sito.





lunedì 8 novembre 2021

GLI STUDENTI EINAUDI A CREMONA PO PER L'ANTEPRIMA DELLA FESTA DEL TORRONE

La Prg Grandi Eventi di Carpi si è nuovamente rivolta alla preside dell’istituto “Luigi Einaudi” Nicoletta Ferrari ed all'insegnante di sala Dionisi Zoppi, per la consueta collaborazione all'anteprima promozionale della “Festa del Torrone” ed alla manifestazione vera e propria, che si svolgerà da Sabato 13 Novembre (ricorrenza del patrono Sant'Omobono) fino alla domenica successiva. I ragazzi saranno coinvolti in tutte le iniziative in programma: tra queste, le Degustazioni Noccioliamo, Rivoltini, Sperlari, Cremona&Mantova ed ancora gli Showcooking ERG e The plate ed infine il Premio Ambasciatore del Gusto. Nell'ultimo weekend, presso l’iper Cremona Po, dalle 15 alle 19, gli studenti hanno dunque scaldato i motori e ricordato l'importante appuntamento ai visitatori del centro commerciale, regalando torroncini. A braccetto con alcuni di loro, nella galleria, c'erano figuranti nei panni di Bianca Maria Visconti, Francesco Sforza, per le cui nozze venne ideata tale specialità dolciaria, e “l'uomo Torrone”, che, sfoderando brio e simpatia, ha fatto la gioia dei più piccoli. Per gli allievi, l'esperienza ha valore di tirocinio breve, così come il servizio dei compagni impegnati in contemporanea, insieme al prof. Michele Franzini, nella “Sagra dei Fasulìn de l'öc cun le cùdeghe” di Pizzighettone. Questa settimana, inoltre, la scuola  spiegherà alle famiglie degli alunni delle medie interessati la propria offerta formativa, durante pomeriggi dedicati ad ognuno dei cinque percorsi di studio: oggi, dalle ore 17 alle 18, il tecnico Grafico romperà il ghiaccio, mentre domani, con il medesimo orario, sarà la volta del Turismo. Mercoledì, i Servizi commerciali apriranno la carrellata degli indirizzi professionali, che proseguiranno Giovedì con la Ristorazione e Venerdì con l'Assistenza sociale.







mercoledì 3 novembre 2021

Halloween con i fasulìn de l'öc

Via le zucche mostruose, i fantasmi e le altre diavolerie anglosassoni. Esiste da tempi immemorabili un Halloween nostrano, cremonese e contadino, con un suo piatto tipico, i fasulìn de l'öc con le cùdeghe, ovvero i fagioli con l'occhio (una varietà  molto antica e non meno gustosa di quelle oggi più diffuse) con le cotenne, visto che il maiale veniva ucciso proprio in Ottobre, per disporre di scorte di carne, nei mesi invernali. Nelle trattorie di campagna, con le prime nebbie, gli osti hanno sempre offerto gratuitamente agli avventori una scodella di questa specialità, tra Ognissanti e la ricorrenza dei defunti. 


Alle casematte di Pizzighettone, il Gruppo Volontari Mura fa rivivere annualmente tale tradizione, in collaborazione con gli studenti dell’IIS “L. Einaudi”, con un menu arricchito di salumi, formaggi, mostarda, polenta e dolci. Grazie alla disponibilità della preside Nicoletta Ferrari, il sodalizio si è rinnovato anche quest’anno, in occasione della ventinovesima edizione, caratterizzata da precauzioni anti Covid, prenotazioni online con cauzione e green pass. Sessanta ragazzi del corso alberghiero (delle classi terza, quarta e quinta) si sono avvicendati nell'ultimo weekend e torneranno a farlo nel prossimo, sino al 7 Novembre. I turni di quattro ore ciascuno coprono l’intera no stop, che inizia alle ore 10 per terminare alle 22, da venerdì a domenica, cui si è aggiunto il lunedì di Tutti i Santi. Gli alunni devono porzionare le vivande, servire ai tavoli e riassettare gli spazi a fine giornata. Nel ruolo di supervisori, i prof di sala Dionisi Zoppi e Michele Franzini, referente e veterano della manifestazione, che commenta così: “Gli alunni sono entusiasti di potersi rimettere in gioco dopo aver sofferto le restrizioni del 2020. Si stanno dimostrando capaci, precisi ed in grado di soddisfare le molteplici esigenze degli organizzatori. Da parte nostra c'era grande attesa per la ripartenza di eventi, in cui la convivialità si abbina alla valorizzazione delle usanze e dei sapori del Territorio. Essi infatti consentono di far misurare gli allievi con aspetti significativi della loro futura professione e di avvicinarli all'enogastronomia locale”.


mercoledì 27 ottobre 2021

ASPIRANTI CHEF IN TV

 


“Che preparo per pranzo?” Massaie e single incalliti, niente panico. A suggerirvi cosa mettere in pentola ci pensano gli studenti dell'IIS “L. Einaudi”. E lo fanno in tv, sul canale 80. Con la ripresa delle lezioni, gli alunni del corso alberghiero si sono misurati con una nuova sfida professionale e sono sbarcati in televisione. Sono infatti stati ingaggiati, per curare una rubrica mensile di cucina, all'interno di  “Ore 12”, il programma condotto da Piero Brazzale e dalla bella Nicoletta Tosato, in onda a mezzogiorno, sull'emittente televisiva locale Cremona 1. L'esordio risale al 29 Settembre, quando Federico Giubbolini e Bryan Caletti di quinta B eno hanno preparato in diretta un gustoso mille foglie di baccalà con crema di peperoni. A vegliare su di loro, da dietro le quinte, il prof. di laboratorio Giuseppe Micocci. Le telecamere si sono accese nuovamente sugli aspiranti chef il 26 Ottobre. Il testimone è stavolta passato a Simone Cervicato, della stessa classe, che, nell'imminenza della “Festa della mostarda”, ha utilizzato in maniera originale e creativa questo ingrediente tutto cremonese, per realizzare una torta scenografica. Giuseppe Micocci commenta così l'esperienza: “Non si tratta di una prova facile. La difficoltà principale consiste nel dover gestire gli imprevisti, all’interno di tempi televisivi ben precisi ed in un ambiente non abituale, in cui può diventare problematico trovare velocemente gli strumenti appropriati. Sinora, i ragazzi sono stati molto disinvolti e si sono dimostrati all'altezza della situazione. Sono fiero di loro”. Soddisfatta anche la preside Nicoletta Ferrari. L'istituto presenterà la propria offerta formativa l'8 (corso grafico), il 9 (turismo), il 10 (servizi commerciali), l'11 (ristorazione) ed il 12 Novembre (assistenza sociale), dalle ore 17 alle 18, in giornate aperte alle famiglie, in vista delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico.




MILLE FOGLIE DI BACCALÀ CON CREMA DI PEPERONI



INGREDIENTI MILLE FOGLIE:

  • 300g di baccalà 
  • 500g di spinaci freschi 
  • 2 patate grandi 
  • 1 peperone rosso 
  • 5 capperi 
  • Olio evo, fiori eduli  sale aromatico q.b.

PROCEDIMENTO:

Mettere a bollire l’acqua. Quando bolle, salare ed aggiungere un giro d’olio.

Lavare e pulire il peperone, tagliarlo a metà, disporlo in una teglia con un filo d’olio e poi porlo in forno ventilato preriscaldato a 250°, fino a quando non si ammorbidisce.

In un recipiente, mettere il baccalà con acqua fredda corrente, per eliminare il sale in eccesso.

Lavare le patate e tagliarle a fette fini, metterle nella pentola con l’acqua bollente e lasciarle cuocere per 2 minuti da quando riprende il bollore.

Scaldare in padella un filo d’olio, aggiungere gli spinaci e farli appassire. Posizionare le patate scolate in una teglia con un filo d’olio e sale a piacere.

Scolare successivamente il baccalà ed asciugarlo con un panno pulito; tagliarlo a striscioline sottili in una teglia, aggiungere un filo d’olio, gli aromi e cuocere in forno ventilato a 250°C per 5 minuti.


TORTA PESCHE E AMARETTI CON MOSTARDA

PREPARAZIONI 

  • Frolla all'amaretto e cacao
  • Mostarda di pesche e pistacchio
  • Brownie con pasta di mandorle e amaretti
  • Mousseline al cioccolato e amaretti 
  • Mousse alla mostarda di pesche
  • Glassa a specchio
  • Gelée di pesche


FROLLA ALL'AMARETTO E CACAO

INGREDIENTI

  • 200g di burro freddo
  • 2 uova 
  • 350g di farina 
  • 50g di cacao
  • 50g di amaretti in polvere
  • 130g di zucchero
  • 3g di lievito

PROCEDIMENTO 

  1. Mescola burro zucchero in planetaria. Aggiungi farina, cacao, amaretti e uova
  2. In frigo per 30 minuti


BROWNIE CON PASTA DI MANDORLE E AMARETTI 

INGREDIENTI 

  • 225g di cioccolato fondente 
  • 200g di burro
  • 50g di pasta mandorle
  • 135g di farina
  • 15g di cacao amaro
  • 225g di zucchero
  • 4 uova 
  • ½ cucchiaino lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 100g di amaretti

PROCEDIMENTO 

  1. Sciogli burro e cioccolato in microonde
  2. Aggiungi la pasta di mandorle
  3. Mescola tutte le polveri tranne lo zucchero
  4. Monta zucchero e uova fino a 3 volte il volume
  5. Aggiungi il cioccolato
  6. Incorpora le poveri lentamente
  7. Aggiungi gli amaretti sbriciolati
  8. Cuoci a 180°C in forno statico


MOUSSELINE AL CIOCCOLATO FONDENTE E AMARETTI

INGREDIENTI 

  • 1 tuorlo
  • 125ml di latte
  • 12g di amido
  • 25g di zucchero
  • 30g di burro
  • 65g di cioccolato fondente 
  • Amaretti sbriciolati

PROCEDIMENTO 

  1. Prepara la crema pasticcera e falla intiepidire
  2. Aggiungi burro morbido e mescola fino a che non è incorporato
  3. Aggiungi il cioccolato fuso tiepido in 2 step
  4. Aggiungi gli amaretti


MOUSSE ALLA MOSTARDA DI PESCHE

INGREDIENTI 

  • 100g di polpa  di pesche
  • 75g di mostarda di pesche
  • 150g di meringa italiana (110g di albume+20g di zucchero, 60g di acqua+200g di zucchero)
  • 175g di panna semi-montata
  • 13g di gelatina 

PROCEDIMENTO 

  1. Prepara la meringa e monta benissimo fino al raffreddamento. Metti in ammollo la gelatina in acqua
  2. Scalda una parte di polpa in microonde e sciogli la gelatina. Aggiungi il resto del succo tutto in un colpo
  3. Aggiungi una parte di succo nella meringa e, velocemente, incorporando aria, versa il resto del succo, infine versa tutto nella panna, sempre incorporando aria


GELÉE ALLA PESCA

INGREDIENTI 

  • 175g di pesche mature
  • 28g di zucchero a velo
  • 5g di colla di pesce

PROCEDIMENTO 

  1. Ammolla la gelatina
  2. Frulla le pesche con lo zucchero
  3. Sciogli la gelatina strizzata e versala nelle pesche
  4. Versa la gelée in uno stampo


GLASSA A SPECCHIO 

INGREDIENTI 

  • 50g di acqua
  • 100g di zucchero
  • 100g di glucosio 
  • 66g di latte condensato 
  • 7g di gelatina
  • 100g di cioccolato bianco
  • Biossido di titanio e colorante marrone

PROCEDIMENTO 

  1. In un pentolino, acqua zucchero e glucosio a 103°C
  2. In un beaker, cioccolato bianco tritato e il latte condensato
  3. Versa il composto caldo ed emulsiona con gelatina a velocità minima e il contenitore inclinato
  4. Glissa senza bolle a 36°C


MONTAGGIO

Nello stampo di silicone versa la mousse alle pesche e la mousseline

Nello stampo microfono cuoci la frolla

Posiziona il Brownie e la gelée dentro il guscio della crostata e livella tutto con un po’ di mousse

Per finire, glassa la mousse una volta congelata e appoggiala sulla crostata

Lavoro di: Simone Cervicato (@cervicato_simo) Neli Adriana Timis (@nelitimis) Gelsy cherubino (@gelsycherubino) Erika Maria Ariotti (@erika_ariotti_03)


lunedì 18 ottobre 2021

I ragazzi del corso Turismo "Einaudi" alla Maratonina e la prof. Gatti sul podio


Michel Solzi, il vulcanico organizzatore della “Mezza maratona” di Cremona, la “Maratonina”, ha convocato anche gli studenti dell'Istituto “Luigi Einaudi” per il tradizionale appuntamento podistico autunnale, inserito nel calendario internazionale della FIDAL. La manifestazione, che festeggia il suo ventesimo compleanno, si è svolta sabato 16 e domenica 17 Ottobre ed ha consolidato, grazie alla disponibilità della preside Nicoletta Ferrari, una collaborazione di vecchia data. C'è stata tuttavia una novità importante, determinata dalla pandemia: mentre, in passato, è sempre stato il corso alberghiero a dare il proprio contributo, con il “Pasta party” conclusivo, stavolta, sono stati ventisei studenti del turistico ad indossare le divise di steward ed hostess, per affiancare i volontari del “Runners club”, nelle attività di accoglienza. Ed a sorpresa, hanno gareggiato almeno tre prof storici: Sonia Gerevini e Filippo Viviano di Sostegno e Daniela Gatti di Scienze motorie, che ha addirittura strappato la medaglia di bronzo nel campionato regionale, per la categoria SF 60/64 (ovvero seniores femminile, riservata alle ultrasessantenni) ed è quindi salita sul podio, allestito in piazza del Duomo. Gli allievi hanno controllato i Green pass, rilevato la temperatura dei circa 1700 partecipanti, fornito loro i pettorali ed i braccialetti di accesso, predisposto i sacchetti con il cibo confezionato. L'impegno è stato di tutto rispetto, perché i ragazzi di quarta e di quinta hanno prestato servizio, in piazza Stradivari, in via Baldesio e presso la Sala Maffei della Camera di Commercio, per cinque ore sabato pomeriggio e per sei domenica mattina. L’esperienza, con valore di tirocinio breve, è servita agli alunni per cimentarsi con le tecniche di ricevimento, che rappresentano un aspetto fondamentale del percorso scolastico scelto. L'evento ha dunque registrato un inedito passaggio di testimone fra gli insegnanti: Giuseppe Micocci, ai fornelli per tante edizioni, con l’obiettivo di rifocillare gli atleti a fine gara, è stato sostituito dalla collega Monica Parrella, docente di lettere e referente dell'indirizzo coinvolto nell'evento. 






lunedì 12 luglio 2021

UNA MATURITÀ DAVVERO SPECIALE: MICHELE GALBIATI CANTA ALL'EINAUDI UN PEZZO DI TOMAS MENDEZ

 Di sicuro, quanto a vena artistica e pathos, Michele Galbiati avrebbe meritato il cento con la lode, perché non è da tutti cantare alla maturità. Al massimo del punteggio, in realtà, è andato molto vicino ed il fatto che gli siano stati attribuiti “solo” novantasette centesimi è questione puramente matematica, in quanto Michele ha svolto buona parte delle superiori, ma pure le elementari e le medie, da privatista ed è approdato al corso sociosanitario dell'IIS “L. Einaudi” in quarta, dopo aver affrontato, in altre scuole, le prove relative alle classi precedenti. Ecco spiegato il credito insufficiente per il voto pieno, malgrado il bonus, assegnatogli, all'unanimità, dalla commissione. Ma tralasciamo i numeri ed arriviamo al punto: Michele possiede uno straordinario carisma ed è figlio d'arte. I suoi genitori sono musicisti e lui ha le carte in regola per portare avanti la tradizione di famiglia. Sta per ultimare il conservatorio ed ha voluto concludere l'esame di Stato, intonando e suonando “Cucurrucucu paloma”. L'ha fatto, ovviamente, al termine del colloquio standard, in cui ha presentato un elaborato impegnativo dal titolo ampolloso ("La condizione del malato di psicosi acuta, il suo rapporto con l'ambiente, le difficoltà assistenziali ed il ruolo dei servizi socio-sanitari"), ha analizzato la celeberrima “X Agosto” di Giovanni Pascoli ed ha affrontato la parte interdisciplinare. Con l'esibizione, ha commosso il presidente Michele Bardelli dell'IIS “G. Galilei” di Crema ed alcuni dei commissari della quinta Bs: Francesco Capodieci (Diritto), Gabriella Castellini (Igiene), Gianluca Ferrari (Italiano e Storia), Paola Galimberti (Matematica), Marialuisa Mozzi (Psicologia) e Francesca Savoini (Francese). “Posso definirmi un melomane – ci spiega Galbiati - mi sono avvicinato alla lirica da autodidatta: ero appena tredicenne. Successivamente, ho approfondito la tecnica, con l'aiuto di vari maestri, tra cui Enrica Fabbri, quella attuale. Il mio primo amore è però stato la chitarra: avevo soltanto sei anni quando mio papà Fernando ha iniziato a prepararmi per l'ammissione al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, dove, pur essendo cremonese di nascita, ho vissuto dal 2006 al 2018, prima di tornare a Vescovato e di proseguire gli studi, in città, presso l’Istituto musicale “C. Monteverdi”, con il docente Francesco Molmenti. Nel mio percorso decisamente atipico, ho sempre eseguito, alla fine di ogni anno scolastico, un breve “saggio” strumentale. Stavolta, ho aggiunto la parte canora, scegliendo un brano strappalacrime, che parla di un uomo che muore, per essere stato abbandonato dell'amata. L'ho interpretato nella versione originale spagnola di Tomas Mendez, di cui Franco Battiato fa una citazione decontestualizzata, nell'album “La voce del padrone”. Ho così reso omaggio al cantautore catanese recentemente scomparso e ringraziato i miei professori”. Preso il diploma, Michele, che ha un canale YouTube per i followers, si è buttato a capofitto in audizioni, corsi, concerti. Durante l'estate, il ragazzo si dedicherà ad un master ed ai libri, in vista della sessione autunnale e dell’agognata laurea. Da “grande”, beh, farà l'artista, naturalmente, mentre, in età più matura, vorrebbe salire in cattedra, per trasmettere la sua passione alle nuove leve. E sarà un successo, perché Galbiati ha talento da vendere.




sabato 3 luglio 2021

I CENTO EINAUDI (MA ANCHE I NEOASSUNTI ED I PENSIONAMENTI)

 La fine di ogni anno scolastico risulta sempre molto più movimentata e ricca di quanto non sembri all'apparenza: è tempo di bilanci, staffette, inizio e termine di cicli e di lunghe carriere. Ci sono stati, innanzitutto, gli Esami di Stato, che hanno dato soddisfazione ad un bel gruppetto di studenti modello. Nel corso tecnico con indirizzo turistico, il massimo del punteggio è stato strappato da Emanuela Dema, Greta Staurenghi, Alessia Tarozzi, Silvia Valla, mentre, nelle due classi del grafico, i più bravi sono stati Takalegne Faravelli e Leonardo Natalicchio nella sezione A, Paolo Lorenzini ed Alice Margariti, che ha meritato addirittura la lode, in B. Eccellenze pure nel professionale: in quinta A sociosanitario, si è distinta Greta Tavoni, in B, invece, Annamilli Gennari, Gioele Mancini ed Alex Ripamonti. Denise Marchesi è la migliore del commerciale. Nell'alberghiero, il voto più alto spetta a Davide Grassi, Federica Gualtieri, Alessia Ripari e Nicolò Vacchelli di quinta A bar, mentre, in B, a Riccardo Ardoli, Claudia Della Putta, Fatbardha Tairi. Il comitato di valutazione presieduto dalla dirigente Nicoletta Ferrari e composto da Giuseppe Bonavita, Filomena Carone ed Annalisa Prisco ha inoltre formalizzato l'acquisizione, nell'organico dei insegnanti di Lettere, della neoassunta Valentina Terreni, che arriva dalla scuola elementare e che ha svolto l'anno di prova con l'affiancamento della tutor Barbara Bozzi. E poi c’è stato l'addio ai colleghi, che, dal primo di settembre, si godranno la meritata quiescenza: si tratta dei docenti di Economia aziendale Luigina Giuseppina Bazza e Mauro Ceruti e della professoressa Agnese Rambaldini di Matematica, che hanno salutato i colleghi, dedicando loro le parole del maestro Alberto Manzi, con l'invito a non rinunciare mai ad essere se stessi, ad avere un approccio curioso, critico, onesto, intelligente, generoso, libero ed amorevole nei confronti della realtà.






lunedì 21 giugno 2021

CON LA QUINTA A GRAFICO, L'AGENDA 2030 DIVENTA UN CATALOGO ILLUSTRATO

 Grazie alla quinta A tg dell'Istituto “Luigi Einaudi”, l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile diventerà presto un catalogo illustrato e coloratissimo. I maturandi del corso grafico di Michela Balzarini, guidati dalla docente Vittoria Attianese e supportati dell'assistente Stefania Antonioli, hanno realizzato un interessante progetto d'indirizzo. Lo scopo è quello rielaborare in maniera creativa gli spunti contenuti nel documento sottoscritto dai governi dei Paesi membri dell’Assemblea generale dell'Onu, per il conseguimento di importanti traguardi ambientali, economici, sociali ed istituzionali, da concretizzare nei prossimi nove anni. A ciascun alunno è stato affidato il compito di sviluppare, sia in italiano che in inglese, uno dei diciassette obiettivi (Goals), miranti a sconfiggere la fame e la povertà, a ridurre le disuguaglianze, ad affrontare i cambiamenti climatici, ad utilizzare energia pulita ed accessibile, a costruire società pacifiche fondate su un lavoro dignitoso, sulla salute, sul benessere, sul rispetto dei diritti umani, sulla parità di genere, su consumo e produzione responsabili, sull'impresa e sull'innovazione.  L'attività si è articolata in molteplici fasi: lettura, ricerca delle parole chiave, stesura della mappa dei colori ed illustrazione con la tecnica del paper effect, che ricrea, grazie all'uso di Adobe Illustrator, l'impressione di forme ritagliate nel cartoncino e poi sovrapposte, per conferire profondità. L'ultimo passaggio è stato rappresentato dall'impaginazione.

Illustrazioni di Natalicchio Leonardo, Maestrelli Alessandro, Fraglica Dylan e Scaravella Laura

 L'iniziativa rientra nell'unità di apprendimento interdisciplinare  di Educazione civica, che il Ministero della Pubblica istruzione ha da quest'anno inserito, in via sperimentale, nei curricula della secondaria di secondo grado. Gli alunni, ora impegnati nell'Esame di Stato, spiegheranno, proprio durante i colloqui, i vari momenti dell'originale proposta didattica alla commissione capitanata dal presidente Giuseppe Agola e costituita, oltre che dalle professoresse Attianese (Laboratori tecnici) e Balzarini (Progettazione multimediale), anche da Barbara Bozzi (Letteratura italiana e Storia), Laura Bricchi (Inglese), Anna D'Alelio (Matematica) e Tito Magri (Organizzazione dei processi produttivi).



giovedì 10 giugno 2021

MISTERI ACCESSIBILITà LIUTERIA: IL PROGETTO DI IIS L. EINAUDI E CrArT PRESENTATO ONLINE

"Misteri accessibilità e liuteria, tre percorsi alla scoperta della città di Cremona" è il titolo dell'evento finale online, avvenuto sabato e curato dall'Istituto "Luigi Einaudi", guidato dalla preside Nicoletta Ferrari, e dal CrArT (Cremona Arte Turismo) di Tommaso Giorgi. L'iniziativa ha presentato al pubblico numerosi itinerari culturali effettuabili sul territorio. Protagonisti sono stati gli alunni delle classi terza, quarta e quinta A turistico, con il supporto dei compagni delle terze A e B del corso grafico, coordinato da Michela Balzarini, che si sono occupati della creazione digitalizzata delle immagini promozionali, da utilizzare sui social. Ogni classe ha seguito un proprio filone, con l'obiettivo di conferire risalto ad alcuni nuclei essenziali, con un occhio di riguardo all'inclusione. Sui profili Facebook ed Instagram del CrArT, sono stati pubblicati post accattivanti, con notizie e curiosità sui segreti e sui misfatti “del biscione e dell’aquila”, ovvero delle famiglie Visconti e Sforza. Sono inoltre stati studiati e proposti ben quattro tragitti, in grado di soddisfare le esigenze delle persone con difficoltà motorie ed un tour virtuale, interamente dedicato al celeberrimo liutaio Antonio Stradivari, storico vanto locale, di imperitura fama internazionale. 


Gli allievi sono stati seguiti dalle docenti di Lettere Monica Parrella (responsabile del progetto), di Francese Lucrezia Mangano, di Sostegno Marina Dizioli, di Laboratori tecnici Vittoria Attianese e Veronica Orlando, con il prezioso quanto insostituibile apporto dell'assistente pratica Stefania Antonioli. Per il CrArT, insieme a Giorgi, vanno menzionate Elena Poli, Anna Adami e Serena Carpaneto. Monica Parrella, referente dell'indirizzo turistico, spiega: "Il project work, che, quest'anno, ha sostituito l'alternanza scuola-lavoro, è stato fondamentale per far conoscere ai ragazzi, che, pure, ci abitano, una città per tanti versi a loro sconosciuta. Ne hanno compreso le risorse da valorizzare ed individuato i limiti da abbattere, per favorirne la fruizione da parte di tutti. I vari snodi dell’attività hanno insegnato agli studenti la collaborazione tra pari, con gli insegnanti e con un'associazione esterna".

martedì 18 maggio 2021

UN WEBINAR "DIVVINO": L'ENOTECA PARIGINA SI RACCONTA AGLI STUDENTI DELL'EINAUDI

L'incontro con Marina Giuberti ed Emiliano Tenca, proprietari dell'enoteca parigina “Divvino Paris”, ha catapultato gli allievi, i docenti di cucina, sala e lingua straniera del corso alberghiero dell'Istituto “Luigi Einaudi ”, nelle atmosfere fascinose ed eleganti della capitale francese. L'appuntamento è stato organizzato grazie alla collaborazione dei docenti Barbara Bozzi e Giuseppe Micocci, con la vicaria Federica Gaboardi e la preside Nicoletta Ferrari, al fine di allargare l'offerta formativa, con la testimonianza di imprenditori e professionisti di livello europeo ed internazionale. La lezione, svoltasi in diretta, sulla piattaforma Google Meet, ha avuto, questa volta, un taglio prevalentemente commerciale: si è infatti parlato di accoglienza, lettura del cliente, fidelizzazione, ma anche di abbinamenti con il cibo e di regole per una buona selezione dei prodotti, con un’originale incursione nel settore dei vini bio, biodinamici e naturali. La sommelière Marina Giuberti, brasiliana con origini mantovane, ed il cremonesissimo Emiliano Tenca hanno puntato soprattutto sul segreto del loro successo, iniziato nel 2013, con “Divvino Charonne”, ampliato, tre anni dopo, con “Divvino Marais” ed ancora, nel 2020, con la creazione del sito e-commerce www.divvino.com: adesso, l'obiettivo è esportare in tutto il mondo. Vastissimo il ventaglio delle attività della coppia, che spazia dall'importazione e dalla distribuzione di vini pregiati alla vendita sia diretta che online, dai corsi di degustazione all'organizzazione di eventi per privati ed imprese, fino all’interazione con le scuole, attraverso percorsi di apprendistato/alternanza. “Divvino” è oggi un'enoteca di grido, frequentata da attori, intellettuali ed artisti.  Un simile risultato è stato conquistato giorno dopo giorno, con impegno, dedizione e grande determinazione. La Giuberti ha infatti raccomandato: “Scegliete una professione che vi piaccia e che vi risulti semplice, per poter crescere sempre di più: non mollate mai”. In effetti, per lei, la passione per l'enologia è stata la chiave di tutto. Per Marina, chef, enologa e nutrizionista, si è infatti trattato di una vera e propria vocazione: il padre, medico, sperava per lei in un futuro diverso; il richiamo dell’enogastronomia è però stato troppo più forte, mentre Emiliano, laureato alla Bocconi, aveva intrapreso una carriera nella finanza. Non a caso, Marina ha esortato i ragazzi di studiare, perché una solida base culturale resta il fondamento imprescindibile. La Giuberti ha raccontato la sua gavetta in ristoranti stellati, in cui lavorava dalla mattina alla sera, gratuitamente o con poco più di una mancia, che investiva in lezioni private di francese, seguite febbrilmente, nella pausa pranzo. Uno degli aspetti più accattivanti del webinar è stato la descrizione della mission di “Divvino”. Emiliano l’ha trasformata in un mantra per i suoi collaboratori: “La sosta a “Divvino Paris” deve rappresentare il momento più felice nella giornata del cliente. Il vino è sinonimo di spensieratezza e di convivialità. Il nostro scopo è regalare gioia”. 





martedì 4 maggio 2021

ALL'EINAUDI L'EX DIRETTORE DELLA GUIDA MICHELIN

 L’incontro con lo chef stellato Emanuele Petrosino e con Fausto Arrighi, ex direttore della Guida Michelin, ha lasciato, negli studenti del corso alberghiero dell'IIS “L. Einaudi”, un ricco bagaglio di idee e suggerimenti, per affrontare con estro, grinta e competenza il proprio domani lavorativo. Per questa lezione virtuale, il prof. di cucina Cristian Fusco ha scelto di invitare l'eccellenza, con un obiettivo preciso: “Dopo tante ore in didattica a distanza, il rischio è quello di perdere mordente. I ragazzi vanno stimolati ed accostati a quello che sarà il loro pane quotidiano, con esempi d'eccezione”. Proprio per questo, l'esperienza è stata riservata ai soli allievi delle quarte e delle quinte, che hanno mostrato notevole interesse. Attualmente ai fornelli al “Bianca sul lago” ad Oggiono (Lecco), Petrosino, classe 1986, è un giovane cuoco con alle spalle l'esperienza di un veterano, conquistata sia in Italia che all'estero, in ristoranti di altissimo livello. Per Arrighi, autentica gloria locale, di fama nazionale ed europea, invece, basta davvero il nome. Oggi 65enne, cremonese doc, Arrighi è un autentico campione, che può vantare una preziosa collaborazione con il leggendario Gualtiero Marchesi. Ma Arrighi è stato soprattutto un severissimo ispettore e poi lo stimatissimo direttore della mitica “Rossa”, con cui ha decretato, fino al 2012, l'accesso al gotha della ristorazione dei migliori del settore. Il suo amore per la professione non è ancora tramontato, in quanto Arrighi è tuttora attivissimo, quotatissimo, ricercatissimo e persino temuto, nell'impegnativo universo dell'enogastronomia,  in cui svolge un'instancabile attività di consulenza. Suggestive le parole da lui rivolte alle nuove leve: “Considerate la vostra vita come un romanzo: ogni pagina trabocchi di colori, emozioni, sentimenti. Non accontentatevi di scrivere un libro qualunque”. I due pezzi da novanta, che alla fine hanno risposto alle numerose domande del pubblico, hanno ripercorso la loro biografia, per poi trasmettere agli alunni, letteralmente in estasi, i capisaldi del mestiere, conditi con consigli pratici riguardanti le regole di comportamento, le capacità relazionali, l’imperativo categorico di un aggiornamento incessante, l'imprescindibile rapporto con il Territorio, la cura nella selezione delle materie prime, l'importanza della marchiatura dei prodotti, lo studio degli abbinamenti nella carta, l'importanza dell'equilibrio tra tradizione ed innovazione, il gusto e la creatività nella presentazione del piatto.




giovedì 22 aprile 2021

COL SANDAGO SALE IN CATTEDRA ALL'EINAUDI

 Ormai manca solo la degustazione e la promessa è quella di trovarsi, il prossimo anno scolastico, per effettuarla. Il corso alberghiero dell'Istituto “Luigi Einaudi” ha completato il ciclo di incontri, organizzati dal professore di sala Dionisi Zoppi e dalla preside Nicoletta Ferrari, con alcuni fra i più prestigiosi marchi Hausbrandt, l'azienda triestina leader dal 1892, nel settore delle bevande calde ed alcoliche. Si tratta di una collaborazione avviata sul campo, in occasione dell'ultima “Festa del torrone” ed ora proseguita con uno stimolante progetto didattico, che ha suscitato notevole interesse negli alunni. Dopo la torrefazione Hausbrandt ed il birrificio Theresianer, approfonditi prima della pausa pasquale, è stata ora la volta di Col Sandago, che ha concluso l'esperienza. I ragazzi sono stati guidati in questa nuova realtà da Stefania Liberali, addetta a formazione ed hospitality e già conosciuta nei precedenti webinar. La formatrice ha accompagnato gli studenti nella visita virtuale alla cantina. Ha inoltre illustrato i principali territori di produzione dell'uva, il processo di fermentazione e tutte le fasi di preparazione sia del prosecco, fiore all'occhiello e straordinario vino di punta della ditta, che di altri uvaggi particolari. 




giovedì 15 aprile 2021

IL RISTORANTE "AL QU4ARTO" SPIEGA IL DELIVERY AGLI STUDENTI "EINAUDI"

Come si fa il ristoratore in epoca covid? A tenere un webinar sull'argomento è stato Stefano Minchillo, chef dell’ “Al qu4rto” di piazza Libertà, insieme ai collaboratori Klarisa Jani ed Andrea Regonati. Il gruppo è stato virtualmente invitato all'istituto “Luigi Einaudi” dal prof. Giuseppe Micocci e dalla preside Nicoletta Ferrari. Al webinar hanno partecipato i ragazzi di quarta e quinta alberghiero, in collegamento con Google meet. Forte della lunga esperienza in Germania e soprattutto del suo diploma di food and beverage manager conseguito con il corso di gestione aziendale Alma, Minchillo ha illustrato la scelta del delivery. Si tratta dell'ordinazione a domicilio, che ha via via coperto tutti i settori (dai cocktail alla gastronomia) e che, in tempo di zone rosse e chiusure forzate, rappresenta ormai una delle strade maestre del suo mestiere, gravemente colpito dagli effetti della pandemia. Minchillo ha parlato dell'organizzazione del suo shop online, con cui brandizza i cibi. Sala e delivery sono, in sostanza, due pianeti che gravitano intorno alla stessa stella, ma con orbite alquanto diverse. Per la prima sono fondamentali l'organizzazione, l’estetica ed il comportamento del personale. Per il secondo, risultano invece imprescindibili l'aspetto promozionale, il packaging (con una predilezione per il confezionamento in azoto e per il pet, ecologico ed economico) e la capacità di non far incidere il trasporto sulla presentazione del piatto, che deve arrivare intatto, così com'è uscito dalla cucina. Strategici diventano i social: “Al qu4rto” utilizza svariate piattaforme, da Tik tok ad Instagram, con una finalità duplice, pubblicitaria ed ispiratrice, grazie al confronto con altri locali e ditte del settore. Una parentesi interessante e sicuramente utile per gli studenti è stata quella riservata al curriculum ed ai consigli su come affrontare un colloquio di lavoro.