Translate

venerdì 23 gennaio 2015

E-COMMERCE

Gli alunni dell'indirizzo servizi commerciali hanno presentato ad allievi delle Scuole Medie un progetto da loro realizzato sulla tematica del commercio on line con il significativo contributo di esperti dI Cassa Padana, Confesercenti e ADUSBEF. L'iniziativa intende valorizzare un percorso didattico di acquisizione delle competenze professionali attraverso metodologie innovative, in cui l'allievo è parte attiva del processo di apprendimento.


giovedì 15 gennaio 2015

Poesia è far entrare il mare in un bicchiere



Quando il teatro entra in classe
 
  
Che noia la poesia!
Metrica, figure retoriche, rime baciate, enjambement piogge nei pineti, rose fresche aulentissime, Orlandi assai infuriati, Inferni, Purgatori, Paradisi, cipressi in duplice filar, scaglie di  mare…
E le prof., disperate, che cercano di farci amare questa forma di arte letteraria e noi, a parte qualche animo sensibile, indifferenti e impermeabili ai capolavori poetici.
Un gruppo di giovani  e coraggiosi attori professionisti, consapevoli di questi drammi scolastici ed appassionati di testi poetici hanno avuto una doppia idea semplice ma straordinaria: prepariamo delle “lezioni spettacolo” sulla poesia dove didattica e teatro si fondono e poi spostiamo il teatro dalle sue sedi consacrate alle aule scolastiche.
E’ nato, così,  il progetto  “I classici Liberamente” che si prefigge l’obiettivo di avvicinare gli studenti a vari momenti della letteratura italiana, esplorati anche con l’aiuto di supporti multimediali e utilizzando un approccio didattico non convenzionale e molto interattivo.
Ecco che il 7 gennaio, proprio al rientro delle vacanze, le classi II AC, II A e B Tg e IIATu hanno avuto modo di assistere ala lezione/spettacolo “ Poesia è far entrare il mare in un bicchiere” tenuta dal simpatico e bravissimo attore Marco Di Giorgio.











Marco Di Giorgio ha intrattenuto i ragazzi con spiegazioni, diapositive ed interpretazioni e li hadivertiti, emozionati ed hanno più volte applaudito il bravissimo attore.
Si parte con “Tanto gentile e tanto onesta pare” di Dante e “L’infinito” di Leopardi per arrivare a “La pioggia nel pineto” passando da “Scherzo estemporaneo” di Metastasio che, per l’argomento davvero spiritoso che tratta, ha strappato risate, applausi e bis.
Un’esperienza davvero molto bella in cui il teatro ha compiuto l’ennesimo miracolo, quello di riuscire ad aprire le anime al bello, di avvolgere con le emozioni, di divertire, di suscitare interesse.
Per saperne di più: www.iclassiciliberamente.com

Federico Benna